La Religione della Velocità di Marinetti è un testo angosciante.
Uno straordinario manifesto poetico del mito che pervade tutta la nostra cultura: la velocità.

Velocità uguale a libertà.
Velocità uguale a potenza (dinamico da dynamis, potente)
Velocità ugale a sconfitta del tempo, a immortalità.

In che relazione sta il furore esistenziale del padre dei futuristi con la nostra identità di uomini moderni? Con i nostri valori e i nostri stili di vita?
Con quello che trasmettiamo in ogni forma ai ragazzi, dai film, ai videogame, agli spot pubblicitari?

Quei ragazzi che si ammazzano contro un muro, un palo, un albero, un altra macchina…

Siamo molto ipocriti (come quasi sempre con i giovani) quando addossiamo loro responsabilità, eccessi, devianze.

Questo testo, legato insieme ad altri dalla malta del lavoro teatrale, è al centro di un incontro che può essere condotto in scuole e biblioteche con poche necessità e poco prezzo.
Cosa sono le lezioni con arte?

In teatri e piazze può diventare anche un’incredibile spettacolo!
(su YouTube un estratto: http://youtu.be/H3tkhvZOQkE)

Per saperne di più: lasaladeitanti@gmail.com

Annunci